Artroscopia di ginocchio, intervento e ripresa

 

Quando si ricorre all’intervento di artroscopia di ginocchio? Qui Salute Magazine lo ha domandato al Dott. Davide Pastorino, Chirurgo ortopedico specializzato nel trattamento delle patologie di spalla e ginocchio. “Si ricorre a questo tipo di chirurgia a seguito di traumi contusivi o distorsivi che possono avvenire nella vita quotidiana, in ambito domestico, lavorativo o sportivo”.

Si tratta di un intervento di chirurgia mininvasiva che prevede solo l’esecuzione di un paio di piccoli fori, senza grandi tagli chirurgici, con una ripresa – di conseguenza – più rapida e semplice.

 

Esiste un paziente tipo? “Questo intervento può essere eseguito tecnicamente su tutte le tipologie di pazienti, però nel tempo si è capito che l’artroscopia è più indicata per i pazienti, sportivi o non, di mezza età. Al contrario, si è notato che frequentemente un’artroscopia eseguita sugli over 65-70 può portare ad un peggioramento della sintomatologia. Il motivo? In questi casi entriamo nel campo dell’artrosi dove è più difficile intervenire con un’operazione del genere. Più facile, invece, intervenire su un menisco suturandolo o asportandolo parzialmente. O ricostruite un legamento crociato, asportare cisti o altro.

 

Infine, le tempistiche di ripresa. “Dipendono dal tipo di intervento che andiamo ad eseguire, ovviamente. Generalmente si ha una buona ripresa entro tre mesi dall’operazione”.