Come ogni anno, anche in questo 2022 il 4 febbraio è tutto dedicato alla Giornata mondiale contro il cancro (o World Cancer Day), promossa dalla UICC (Union for International Cancer Control) e sostenuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Il 2021 è l’ultimo anno della campagna triennale (2018-2021) #IAmandIWill, ma ogni anno questa giornata rappresenta un modo per sensibilizzare a livello globale l’intera comunità, creando un momento di impegno personale con cui avere un impatto concreto sul futuro.

L’incidenza del cancro nel mondo

Il cancro è una patologia in crescita costante a livello globale. Secondo i dati del Report Aiom-Airtum pubblicati nel 2020 dal Ministero della Salute, nel solo 2018 sono stati stimati oltre 18 milioni di casi di cancro al mondo.

In Italia le stime parlano di circa 377mila nuovi casi di tumore maligno diagnosticati nel 2020 (195.000 negli uomini e 182.000 nelle donne) contro le 371mila del 2019.

Sono circa 10 milioni le persone che ogni anno muoiono di cancro: secondo gli studi, un terzo di loro perde la vita a causa di tumori più comuni e prevedibili. Migliorando le strategie di prevenzione, di diagnosi precoce e di trattamento, dunque, sarebbe possibile salvare circa 3,7 milioni di vite in più.

La sopravvivenza in Italia a 5 anni dalla diagnosi

Sempre secondo i dati dell’ultimo Rapporto Aiom-Airtum, a cinque anni dalla diagnosi si registra una sopravvivenza del 63% nelle donne (in cui il tumore più frequente è quello mammario) e del 54% negli uomini. Risultati importanti anche nel paragone con quelli di altri Paesi europei, che testimoniano la qualità dell’assistenza oncologica nel nostro Paese, che si colloca ai vertici sia in Europa che nel mondo.