In un’epoca che sembra essere particolarmente analfabeta nella grammatica delle emozioni, l’autore cerca di parlare della pandemia con un linguaggio emotivo