Durante la pandemia chi si occupa di Psicologia dell’Emergenza ha ricoperto un duplice ruolo: quello di soccorritore, ma anche quello di vittima