Vasco Brondi nel suo brano ‘Nel Profondo Veneto’ racconta dello spaesamento dei ventenni e ormai trentenni di fronte all’instabilità del futuro