Individuare le differenze tra pazienti DOC con o senza comorbilità con disturbo bipolare aiuta a trovare predittori utili a orientare le scelte terapeutiche