Rinchiuse in fitte reti di rigide regole da loro create, le pazienti con anoressia sembrano non conoscere il presente, bloccate in un punto senza estensione