Per chiarire l’origine del gioco d’azzardo psicologico la psicodinamica ne analizza l’ambivalenza, da cui trapela una matrice indubbiamente nevrotica