Il delirio potrebbe essere una modalità di risposta e di adattamento, ma anche uno strumento per sciogliere un nodo esperienziale celato da tempo