“Finché il caffè è calldo” racconta di un viaggio nel tempo, un percorso interiore, come quello che avviene in terapia grazia alle tecniche immaginative