Si cerca di capire se il consumo di caffeina, sostanza centrale degli energy drink, rappresenti un tentativo di automedicazione del paziente con depressione