La sindrome dell’intestino irritabile evidenzia l’interazione intestino-cervello quindi, se i farmaci non sono efficaci, si consigliano terapie psicologiche