Ci si interroga da tempo sui perché del malessere emotivo che tanto attanaglia i giovani. La responsabilità è sempre dell’altro?