La funzione di rêverie descritta da Bion non è così lontana da quella del terapeuta che deve fare appunto da “contenitore”, come in una reazione chimica