Gli studi che hanno valutato la comorbidità nei disturbi dell’alimentazione hanno spesso riscontrato notevoli limiti metodologici