Le prugne, frutto del Prunus Domestica o Susino europeo, presentano una forma quasi ovale e una varietà di colori tra cui giallo, violaceo, viola intenso, bluastro e rossastro. Questi frutti sono noti per essere ricchi di antiossidanti e offrire diversi benefici per la salute. Possono essere consumate fresche durante l’estate o disidratate per essere gustate tutto l’anno, rappresentando anche un ottimo snack salutare.

La ricerca condotta dalla San Diego State University – School of Exercise and Nutritional Sciences ha confermato che mangiare prugne disidratate quotidianamente porta benefici significativi alla salute delle ossa, sia nelle donne che negli uomini oltre i 50 anni. Studi recenti hanno indicato che un consumo giornaliero di 50-100 grammi di prugne disidratate può aumentare la massa ossea e ridurre il rischio di fratture.

Secondo uno studio pubblicato su Bone Reports, consumare 50 grammi di prugne disidratate al giorno per 16 mesi ha aumentato la densità minerale ossea totale nelle donne in post menopausa con osteopenia.

Le prugne sono ricche di sali minerali come magnesio, potassio, manganese, ferro e rame, oltre a essere una fonte preziosa di antiossidanti con proprietà antitumorali e vitamine B, C, E e K. Grazie al loro alto contenuto di acqua, le prugne forniscono un senso di sazietà immediato. Altri benefici includono:

  • Effetto lassativo: grazie alle fibre, le prugne aiutano a regolarizzare il transito intestinale e a disintossicare l’organismo.
  • Controllo del diabete: il contenuto di sorbitolo, uno zucchero naturale, e l’indice glicemico basso le rendono adatte anche per i soggetti diabetici.
  • Effetti positivi sul colesterolo: le fibre aiutano a ridurre il colesterolo cattivo, riducendo il rischio di malattie cardiovascolari.
  • Azione diuretica: grazie al contenuto di acqua, potassio e magnesio, le prugne aiutano a combattere la ritenzione idrica e a regolare la pressione sanguigna.
  • Supporto per la salute ossea: la vitamina K e il manganese presenti nelle prugne contribuiscono a rafforzare il sistema scheletrico e a prevenire l’osteoporosi.

Le prugne sono ideali per macedonie di frutta, spuntini o nella preparazione di dolci e confetture. Possono essere consumate fresche o secche senza perdere le loro proprietà benefiche. Tuttavia, è consigliabile limitarne il consumo per chi soffre di gastrite, sindrome del colon irritabile o tende a sviluppare calcoli renali, poiché un eccesso può causare effetti collaterali come diarrea, meteorismo e flatulenza.