Il 15 febbraio 2022 ricorre il XXI International Childhood Cancer Day.

Celebrata in Italia come Giornata mondiale contro il cancro infantile, tale ricorrenza è stata istituita nel 2001 dall’Organizzazione mondiale della sanità e ha come scopo sensibilizzare l’opinione pubblica in merito all’incidenza dei tumori infantili ed esprimere solidarietà e sostegno ai piccoli malati, ai guariti e alle loro famiglie.

Nel 2018 l’OMS ha annunciato la nascita della nuova campagna WHO Global Childhood Cancer Initiative, finalizzata a raggiungere a livello globale almeno il 60% di sopravvivenza per tutti i bambini con diagnosi di cancro entro il 2030. Vediamo insieme alcuni dati.

Prevenire è meglio: il 4 febbraio è il World Cancer Day

Il cancro infantile nel mondo

Stando alle stime riportate sul sito del Ministero della Salute, ogni anno nel mondo vengono diagnosticati circa 400mila nuovi casi di cancro infantile tra bambini e adolescenti sotto i 20 anni. Di questi, circa l’80% vive nei Paesi a basso reddito, e tra loro l’80% di loro muore di cancro a causa della mancanza di una diagnosi corretta e di una concreta possibilità di cura.

Circa un quarto dei malati pediatrici che si ammala in questi Paesi (vale a dire più di 100mila bambini) potrebbe guarire se solo fosse garantita una tempestiva diagnosi e un accesso alle cure pari a quello dei Paesi più sviluppati.

Il cancro infantile in Italia

In Italia ogni anno il cancro infantile colpisce oltre 1500 bambini e più di 900 adolescenti. Ad oggi pare che più di 44mila persone (la cui età media attuale è circa 30 anni) abbiano avuto un tumore da bambini.

Grazie ai progressi della medicina, oggi circa l’80% dei malati guarisce. Negli ultimi anni la ricerca ha permesso di raggiungere eccellenti livelli di cura e di guarigione per le leucemie e i linfomi, ma rimangono ancora basse le guarigione per i tumori cerebrali, i neuroblastomi e gli osteosarcomi.

  • Facebook
  • cinguettare
  • LinkedIn
  • Pinterest

Le cure

Uno dei limiti ancora in essere riguarda il fatto che circa il 50% dei farmaci attualmente usati per combattere i tumori pediatrici non è in realtà autorizzato per l’uso pediatrico. Si tratta di medicinali usati, “off label” (senza registrazione pediatrica), adattando ai bambini medicine per adulti.

Se nel corso dell’ultimo decennio in Europa la sperimentazione di nuovi farmaci anticancro per gli adulti ha visto un progresso importante, sono purtroppo ancora pochissimi quelli studiati per l’età pediatrica.

Le iniziative

In occasione della Giornata mondiale contro il cancro infantile, la FIAGOP (Federazione italiana associazioni genitori oncoematologia pediatrica) in collaborazione con l’AIEOP (Associazione Italiana Ematologia Oncologia Pediatrica), organizza ogni anno diverse iniziative.

Per il 2022 la stessa AIEOP ha scelto di sposare la campagna globale #nelletuemani, portata avanti dalla stessa OMS come #throughyourhands. Si tratta di un’iniziativa finalizzata ad aumentare la consapevolezza di tutta la società circa il cancro infantile e rendere omaggio al personale sanitario che ogni giorno si prodiga per aiutare i piccoli malati e le loro famiglie.

  • Facebook
  • cinguettare
  • LinkedIn
  • Pinterest